Stampa AlternativaHo scoperto ora che sabato scorso (8 gennaio 2011) su “Alias”, l’inserto culturale del quotidiano “Il Manifesto”, sono uscite due pagine, firmate da Massimo De Feo, sulla storia editorial-culturale di Stampa Alternativa che compie ora 40 anni. Una storia densa di eventi e avventure descritte senza peli sulla lingua nella lunga intervista al direttore editoriale e fondatore storico Marcello Baraghini. Vi vengono ripercorsi molti passaggi fondamentali della stessa storia italiana, dall’underground alle lotte radicali, dai Millelire alle Strade Bianche della maremma toscana.

Eventi e avventure umanissime, prima ancora che culturali, quasi mai sentite né raccontate se non in circoli ristretti o tra chi le ha vissute, ma che hanno formato più di un nugolo di ragazzi che nei primi ’70 sognavano un mondo diverso e migliore, e lo praticavano sulla propria pelle. Anche al di fuori di quei circuiti politici o militanti che allora andavano per la maggiore, ma piuttosto con occhi, orecchie e anima tesi agli stimoli intimi, all’esplorazione magica, alla condivisione spassionata. Una schiera di giovani pronta a darsi alle più disparate esplorazioni sull’onda degli impulsi che stavano già blowing in the wind lungo i fiumi tranquilli di un pianeta già elettrico.

Si, anche tutto ciò fa parte della storia di un Paese in fermento, di una generazione già allora globale e interconnessa, immersa in un presente continuo che oggi vola sulle ali dello sharing digitale. Una fetta storica troppo spesso trascurata o ignorata, magari proprio da quei nativi digitali che stentano a riconoscere le lunghe radici di quest’impegno continuo verso un mondo sempre diverso e sempre migliore — qui & ora.

Eccole allora queste due pagine di Alias che festeggiano i 40 anni di Stampa Alternativa rilanciando storie e vicende importanti per tutti. Ah, just in case: c’ero anch’io 40 anni fa, sui sentieri di quelle avventure condivise – e ancora ci sono, eccome, anzi ci siamo: verso un futuro con tanta voglia lottare, crescere e sperimentare.
http://www.stampalternativa.it/cmssa/uploads/docs/Alias1.pdf
http://www.stampalternativa.it/cmssa/uploads/docs/Alias2.pdf


The more I read and follow the Wikileaks saga the more I have mixed feelings about its positive outcome in the larger context. Nobody can deny its importance in showing the world that the Emperor Wears No Clothes. People have the right to access most government information and secrecy cannot be a viable (nor justifiable) practice in today’s global village. Collaborative technology and online strategies are great tools to dig up and disseminate sensitive data, providing citizens with means and push to fight for social change.

However, it’s also clear that the cablegate is the product of a tiny, old-fashion cyber-elite attempting to “teach” the rest of us how to (supposedly) use current IT tools to support their own fight against conspiration theories, (alleged) military secrets, big powers. Wikileaks (or more accurately, Mr. Assange) has decided to step up his quasi-personal battle to “destroy an invisible government”, by abusing crowdsourcing tools and social media spaces. He did not hesitate in resorting to a classic top-down approach and an elitist strategy to discredit and fight ‘big powers’ on its own terms, with no consideration whatsoever for the many ordinary people struggling every day to promote social change through citizen media and local activism, moving at their own pace and with their own small targets.

These “spectacular information hacks” are essentially a political statement to quickly capture the attention of millions and (more to the point) major western media — well beyond the actual disclosing of ‘secret information’. Finally Julian Assange got the spotlight he has been pursuing forever: big media adore him and world governments love to hate him. The last remnants of the ‘hacker community’ got their revenge. And everybody will forget to listen to the voice of the voiceless.

The hard-to-get-through tweets of some unknown villagers about blood diamonds and the coltan conflict that fuel Congo’s forgotten wars will be less and less news-worthy. Nobody will want to read a post in broken english (maybe due a quick translation from an alien local dialect) about indigenous people trying to make sense of the internet to support their social and environmental struggles in the Brazilian forest. But, hey, why bother? Our cyber-heroes will watch and protect us all.

Maybe I’m just over-reacting. Or becoming hopelessly older. However, many are trying to clarify several misunderstandings about the basic nature of the Wikileaks affair. And if you don’t like Jaron Lanier’s criticism, here is a fresh perspective – again, from a fellow nerd. In an interview for BBC News focused on Wikipedia 10th anniversary (to be celebrated worldwide on 15 January), today Jimmy Wales also talks about Wikileaks.

“The core of their work is not about Wiki at all – Wiki is a collaborative editing process, it’s a group of people coming together to collaboratively write something. And what Wikileaks is doing is getting documents and leaking them.”

Even more interesting, Jimmy Wales provides some ‘leaks’ about unsolved matters on the Wikileaks part regarding its most treasured asset, “their own” web domains:

Technically, the Wikia company [Wales’ for-profit business] has until this week legally owned domain names including wikileaks.net, wikileaks.com and wikileaks.us.

“We transferred the domains to them but they never completed the technical part,” said Mr Wales. “All they needed to do was sign in and complete the transfer but they have never done it.”

He said the domains had been registered “defensively” when Wikileaks launched in 2006.

“When they first launched they put out a press release that said the ‘Wikipedia of secrets’, which would have been a trademark violation.

“So someone in the office registered two or three domains.”

He said that he regularly tries to prompt Wikileaks’ founder Julian Assange to complete the transaction, to no avail.

“I saw someone else say that he’s prone to saying ‘I’m busy fighting superpowers’ and that’s exactly what he said to me.”

Mr Wales said the domains would expire “this week”.

“I’m not renewing them,” said Mr Wales.

“We may ping them and say they are loose.”

Oh, yeah, Wikileaks: you are soooo sexy.


From BBC News:

Since Saturday’s tragic shootings in Arizona, America’s cable news channels have been flooded with analysts speculating about why.
They have bemoaned the state of America’s political discourse, called for leadership in toning down heated rhetoric, speculated over whether this is a turning point for Barack Obama or Sarah Palin and puzzled over the shooter’s mental state.
But one thing that has scarcely been raised is gun control.
…..
America’s love affair with the gun is steeped in the nation’s foundational stories, particularly its history as a frontier society without an established military.
“The threat of French, Spanish and Indian hostility on the frontier meant that from the very beginning America was a society that relied very heavily on a population that is armed,” Saul Cornell, an American history professor at Fordham University in New York, told the BBC.
“Basically we had a militia as the organisational building block of internal and external defence.”
Jan Dizard, who teaches American culture at Amherst University, adds that Americans have a long history of sanctifying all that is associated culturally with “winning the west” and beating back Britain.
“The myth of the frontier, the myth of the individual defending him or herself against bad guys that the state is unwilling or unable to protect them from runs very, very deep,” Mr Dizard, a gun-owner and hunter himself, said in an interview.
Over time, gun ownership has become fused with a particular brand of American identity that prizes rugged individuality and libertarian notions of freedom – mostly freedom from government.
….
Most gun control advocates point the finger at the National Rifle Association (NRA) for stymieing the political will in Congress to act.
The NRA has a large, extremely well-funded political lobbying operation – deeply supported by weapons manufacturers – that will not brook any infringement on the constitutional right to bear arms.
For the NRA, that means no limits on access to high-powered weapons, no limits on the number of guns an individual can purchase, no waiting periods for prospective gun owners, and so on.
The organisation has an enormous capacity to run political ads for and against candidates, based on their gun politics.
Mr Cornell says that it also has a very loyal core of members who care about firearm freedom above all else. Passions mostly run higher among the gun owners than the regulators.

Full story on BBC News.


Un lungo (e dotto) intervento sul settimanale The New Yorker illustra una tesi poco popolare, soprattutto tra la folta schiera dei digerati. Il cyber-attivismo servirà a poco o nulla per facilitare il cambiamento sociale — almeno finché non si integri con una struttura già attiva o messa in piedi all’uopo “nel mondo reale”. I social media non possono né potranno attivare trasformazioni concrete nella società: the revolution will not be tweeted.

A sostegno di tale tesi Malcolm Gladwell cita in dettaglio svariati casi del movimento dei diritti civili USA dei primi anni ’60, evidenziando la necessaria fisicità dell’organizzazione e delle azioni intraprese come unica strada che portò al successo. «Se Martin Luther King, Jr., avesse provato a fare un wiki-boicottaggio a Montgomery, sarebbe stato letteralmente schiacciato dalla macchina del potere dei bianchi.»

Al confronto, le bravate raccontate da Clay Shirky sull’attivismo digitale o sul potere del web collettivo appaiono poco più che puerili – e a ragione, perché simili incursioni non fanno altro che auto-replicarsi in maniera orizzontale, difettando dell’ovvia penetrazione verticale che sola può colpire al cuore l’ordine costituito. In sintesi: nel facilitare l’espressione degli attivisti, i social media allontanano la possibilità che tale espressione abbia effetti concreti.

Cyber-utopiaNe consegue una caratteristica decisamente conservatrice dei social media, cosa che molti continuano però a ignorare, o fingono di farlo: «Non sono un nemico naturale dello status quo». E d’altronde analisi più attente su quella che molti media hanno frettolosamente definito “Twitter Revolution” lo scorso anno in Iran o anche in Moldavia hanno poi rivelato come l’attivismo fosse in realtà ben radicato nelle piazze e nelle menti della gente, non certo online; e lo stesso dicasi per altri esempi in Corea del Sud ribaditi da Shirky nella sua ultima fatica, “Cognitive Surplus”. Pur se usare il Professore della New York University a mo’ di capro espiratorio o definire i suoi testi la bibbia del movimento dei social media diventa controproducente.

Come si evidenzia meglio nella trascrizione del chat pubblico successivo alla pubblicazione dell’articolo, Malcolm Gladwell non vede però tutto nero. L’elezione di Barack Obama è stato un ottimo esempio in cui la «combinazione tra l’attivismo di base e i social media si rivela assai utile». Mentre Twitter e Facebook sono importanti per introdurre certi temi a una vasta fetta di persone e per tenere le fila della conversazione, pur se la loro stessa natura previene approfondimenti o sviluppi davvero significativi. O per firmare petizioni e proclami, guadagnare supporter a certe cause — ma senza dover scendere in strada a manifestare, né esporsi concretamente in prima persona.

È vero: la tecnologia può fare miracoli ma «non può modificare le dinamiche alla base dei “problemi umani”: non rende più facile amare o motivare o sognare o convincere», insiste Gladwell. Che si sia d’accordo o meno, è fuori di dubbio che le odierne “cyber-utopie” ricalcano fin troppo i primi anni della Rete per come la conosciamo, metà anni ’90, quando troppi addetti ai lavori pensavano potesse davvero trasformare il mondo e unificare i digerati oltre confini e leggi nazionali. Un esempio per tutti, la Dichiarazione d’indipendenza del cyberspazio, datata febbraio 1996, in cui John Perry Barlow delineava in 16 brevi paragrafi, lo specifico “contratto sociale” che dava forma a Internet e in base al quale i suoi utenti erano immuni dalle normative giuridiche o dai problemi concreti dei comuni mortali.

Peccato che, appunto, si trattasse di utopie fuori luogo — come hanno rivelato da allora Pechino, Teheran e Il Cairo, con manovre e interventi ripetutamente repressivi, ma anche Parigi e Roma, con le odierne leggi o proposte censorie. Alla faccia di un’impossibile Internet senza frontiere.

Riproporre oggi analoghi sensi unici in stile dead-end — pensare cioè che social network e blogosfera possano davvero scardinare lo status quo, come vorrebbero farci credere l’elite digitale e i colossi del cyber-business, o che iniziative pur stimolanti come Global Voices Online e il relativo progetto Lingua riescano a “far parlare tra loro chi vive in Corea con gli abitanti del Camerun…su idee e temi condivisi”, come suggerisce Ethan Zuckerman — è decisamente troppo. Almeno per i miei gusti 😉


…soprattutto quando si tratta di segnalare che tutto procede più o meno bene e che, ad ampliamento delle varie attività connesse al network di Global Voices Online, stiamo per lanciare una nuova creatura, più centrata sull’Italia ma sempre di taglio internazionale: Voci Globali. Un progetto, parimenti non-profit e volontario, che ingloba la testata editoriale e l’Associazione culturale omonime, puntato ancor più a dare spazio a voci e questioni spesso dimenticate o ignorate dai media mainstream su temi quali Paesi in via di sviluppo, violazione dei diritti umani, giustizia sociale, tutela delle minoranze, rispetto della libertà di espressione, cyber-attivismo, digital divide, fenomeni migratori.

Stimoli e contenuti arrivano da una eclettica redazione virtuale sparsa per il mondo, composta da traduttori, giornalisti, cittadini e appassionati, che affiancherà a traduzioni e rilanci anche interventi ‘from the field’ nonchè reportage originali e in diverse lingue. Facendo così tesoro (ed ampliando al meglio) quanto già prodotto quotidianamente su Global Voices in Italiano e sulla rubrica “Voci Globali” de LaStampa.it — fino a creare ambiti paralleli ma distinti sia a livello di tematiche sia di collaboratori. L’obiettivo complessivo, insomma, rimane quello di stimolare l’incontro e la comprensione tra culture diverse tramite una varietà di strumenti, ambiti, situazioni. Benvenuti come sempre suggerimenti e coinvolgimenti — siamo qui!


Summit di Global Voices Online, 6-7 maggio 2010Un report del sottoscritto sul recente Summit di Global Voices Online, oggi su “lastampa.it”. Di seguito inizio e conclusione:

Radunare persone con provenienze e background diversi ma interessate a discutere la crescente influenza dei citizen media su società, politica, istruzione e altri ambiti al centro dell’attualità mondiale. Affermando al contempo quel multi-culturalismo che è l’asse centrale su cui ruota la comprensione e l’interconessione dei popoli sul pianeta. Queste le caratteristiche centrali che hanno puntellato il quinto Summit del network non-profit Global Voices Online, svoltosi a Santiago del Cile la settimana scorsa. Dove sono arrivati oltre 200 partecipanti, in rappresentanza di almeno 60 Paesi, sotto la sapiente regia di Claudio Ruiz di Derechos Digitales e Solana Larsen di Global Voices, alternandosi liberamente tra spagnolo e inglese, con infaticabili traduttori costantemente all’opera.

….

In breve: l’attività volontaria di tanti netizen va assolutamente preservata da partnership monetarie, potenzialmente distruttive? Come conciliarne l’ambivalente rapporto con i mainstream media, comunque interessati a nuove fonti d’informazione? E, forse soprattutto, come fare a sopravvivere e crescere, considerato che pochissimi dentro Global Voices percepiscono stipendi al livello del salario di sussistenza USA, il resto è volontariato puro? «Gran parte del compenso arriva sotto forma di in amore, non denaro. La gente lavora con Global Voices perchè è un’opportunità per dare rappresentanza alla propria comunità davanti al mondo, per portare alla luce le affascianti conversazioni che avvengono nelle blogosfere locali», scrive a posteriori Ethan Zuckerman a mo’ di risposta. Ma se dibattito in tal senso appare più aperto che mai, resta certamente cruciale continuare la sperimentanzione da più parti in atto, creando sinergie tra i cittadini-reporter e informazione tradizionale, aprendo canali condivisi per “dare voce a chi non ce l’ha”. L’unica è non smettere mai di impegnarsi in prima persona, da Santiago alla Mongolia, dall’Italia al resto del mondo.

Leggi l’articolo integrale su oggi su “lastampa.it”.


Ultimi sprazzi (dopo averlo seguito tutto meno l’ultimo giorno, domenica) di queste intense giornate al Festival del Giornalismo, e pur con le inevitabili chiacchiere a perdere e le tipiche ripartizioni tra jet-set e formichine, indubbiamente ottima visibilità per Global Voices Online e buone prospettive di rilanci e progetti vari. Notevole l’interesse e l’interazione nei nostri due panel, soprattutto per via di presenze giovani e internazionali, come rivelano i due rispettivi video: Inter-connettere la diversità di lingue e culture online e Citizen Media a sostegno della libertà di parola e dei diritti umani – come ribadito dal premio assegnato a Threatened Voices nel concorso “Eretici Digitali” (con Portnoy che lo ritira subito dopo la relativa tavola rotonda). Ancor più proficui, com’è tipico di queste kermesse, gli scambi e le progettualità avviate variamente dal team di Global Voices in Italiano con una varietà di persone tra sale e corridoi, piazze e ristoranti perugini. Un vento complessivamente ricco e stimolante, prezioso soprattutto per le dinamiche e le presenze globali, che merita sicuramente molte altre edizioni. Facendo attenzione però ad evitare certe ridondanza e a conservare massima freschezza — sfrondando al massimo le manie di grandeur dei soliti mezzi busti nostrani.


Mentre sale l’attesa per l’arrivo nei negozi dell’iPad (qui in USA ora fissato a sabato 3 aprile), rincara la dose la fresca cover-story del mensile Wired: “How the Tablet Will Change the World“. Aggiungendo che l’iPad è solo l’inizio di quest’ennesima revolution, visti gli analoghi gadget in giro e/o in arrivo (da AT&T a Google). Hype a parte, lo special contiene utili osservazioni nonché le variegate opinioni di diversi addetti ai lavori — incluso Kevin Kelly che cita a sua volta Mr. Brian Eno, secondo il quale il “problem with computers was that there was not enough Africa in them.” Invece l’iPad e le altre tablet sarebbero qui per liberarci dalla tirannia della tastiera, sforzandoci in qualche modo a “employ the rest of our body, as if we were dancing or singing, we could express ourselves with greater finesse.” A dominare sarebbero così gestualità e fisicità, con le dita che scorrono sullo schermo e il device spostabile e godibile in varie posizioni. Cioè, quel tocco di Africa che mancava nell’informatica, necessario a rendere sempre più umana e volubile la fredda tecnologia. Sarà. Intanto però l’aggeggio non sembra soddisfare chi vuole un computer caldo ma comunque multioperativo (digitare on-screen pare impossibile e troppi finiranno per portarsi e dietro e attaccarci una normale tastiera) né chi non vuole o non può rinunciare alle animazioni ormai obbligatorie online (nada Flash), giusto per segnalare qualche inghippo del nuovo oggetto di culto in arrivo. Per non parlare dei super-lucchetti imposti da Apple al sistema e ai prodotti annessi. Ergo: meglio guardarsi intorno per altri modelli e attendere quantomeno iPad version 2.0. E intanto fantasticare al meglio con la cover-story di Wired…


Nazione IndianaNel caso qualcuno fosse curioso o non conoscesse Global Voices Online, ecco un bel pezzo-intervista oggi su Nazione Indiana – inclusivo di dettagli e dati aggiornati, oltre a note sull’operativita’ interna dell’intero progetto, info sempre utili a sapersi.

E many many thanks a Jan Reister e agli amici di Nazione Indiana!

Che cos’è Global Voices in Italiano

Poco più di cinque anni fa Rebecca MacKinnon ed Ethan Zuckermann cercavano di capire come i blog ed il giornalismo partecipativo potessero favorire conversazioni dirette e più significative tra persone di Paesi diversi, soprattutto al di fuori del mondo occidentale e ben oltre la sfera alquanto uniforme dei media mainstream. …

Oggi Global Voices è cresciuta parecchio, diventando una rete-community che coinvolge oltre 200 autori volontari e traduttori in tutto il mondo, attorno ad un nucleo di coordinatori part-time. All’interno di Global Voices sono poi nati progetti specifici come Advocacy , dedicato alla libertà di espressione ed ai problemi di censura; Rising Voices, dedicato a piccole comunità e minoranze; e Lingua, il progetto di traduzione internazionale.

Dal maggio 2008 opera anche Global Voices in Italiano, che pubblica quotidianamente due-tre articoli tradotti da un gruppo affiatato di volontari, oltre a produrre saltuariamente articoli originali su questioni italiani e affini. Ho posto loro alcune domande ….

Segue nell’articolo originale


Voci GlobaliQuatto quatto è partito Voci Globali: il meglio della blogosfera internazionale, partnership esclusiva tra Global Voices Online e LaStampa.it, con l’obiettivo di ampliare e approfondire ulteriormente la portata delle molte voci indipendenti online, non filtrate e in presa diretta, rendendole fruibili al pubblico italiano ed estendere così la conversazione globale sui temi d’attualità.

Voci Globali poggia su una redazione virtuale che procederà a scandagliare quotidianamente svariati blog e siti di citizen media (in diverse lingue oltre all’inglese), per poi scegliere, tradurre e pubblicare quelli più significativi su questo spazio. Inizialmente verranno seguiti 25 blog, con la pubblicazione di almeno un post al giorno. Gli articoli verranno diffusi con licenza Creative Commons e saranno aperti ai commenti dei lettori.

Sono già pronti i primi tre post tradotti, da Afganistan, Yemen, e sul futuro dell’high-tech in Africa, oltre all’elenco dei blog seguiti e del team redazionale.

L’iniziativa, coordinata dal sottoscritto, è l’ennesimo esperimento a cielo aperto lungo i sentieri delle commistioni, tanto continue quanto necessarie, tra l’ambito tradizionale e il citizen journalism odierno. Ovviamente benvenuti i rilanci diffondendo la voce in giro, riprendendo il comunicato stampa o il mini-banner da piazzare su siti-blog. Per suggerimenti o segnalazioni siamo qui: vociglobali@lastampa.it