Sempre più i giornalisti online incarcerati nel mondo

05Dec08

The Blogging Revolution“Reflecting the rising influence of online reporting and commentary, more Internet journalists are jailed worldwide today than journalists working in any other medium.” Lo annuncia il rapporto annuale curato dal Committe to Protect Journalists (CPJ), il quale specifica che il “45 percent of all media workers jailed worldwide are bloggers, Web-based reporters, or online editors” – pur se la cifra complessiva dei giornalisti incarcerati nel mondo è diminuita di due unità, rispetto ai 125 del 2007. La classifica è guidata dalla Cina, con 22 giornalisti attualmente in galera, seguita da Cuba (21), Burma (14), Eritrea (13), Uzbekistan (6).

Se certo è preoccupante avere qualcuno dietro le sbarre per il solo diritto a fare informazione, ancor più lo è sapere che il triste primato ora spetta a chi produce variamente informazione online. Non a caso tra le varie inziative tese a tutelare queste attività, recentemente è stata lanciata la Global Network Initiative, comprendete CPJ, aziende Internet quali Yahoo e Google, gruppi a sostegno dei diritti umani, entità governative e altri soggetti onde stabilire delle linee-guida internazionali contro le repressioni governative online.

Peccato che la notizia non sembra ricevere grande attenzione tra gli stessi media, soprattutto nel nostro mondo occidentale: già, tanto sono gli “altri” i colpevoli. Di certo non compare nella paginona di Google News, e una ricerca ad hoc produce risultati striminziti. (Non oso neppure provare nell’ambito italico, ma tanto si sa, io sono prevenuto🙂.

UPDATE: Meno male che mi sbagliavo: appena visto il pezzo su repubblica.it, solo che non capisco perché non si possano inserire commenti né mandare una mail all’interessato…mah? –

Se n’è invece appena occupata DemocracyNow!, con un servizio inclusivo di breve intervista con Antony Loewenstein, autore di “The Blogging Revolution“, libro apparso un paio di mesi fa in cui documenta in presa diretta le persecuzioni e censure continue subite dai blogger in Paesi come Iran, Egitto, Siria, Saudi Arabia Saudita, Cuba e Cina.

Eppure un importante contributo verso la soluzione di simili scenari è proprio parlarne e discuterne, riprendere e rilanciare la notizia, online e offline – vabbè, per ora affidiamoci al tam-tam del web….



One Response to “Sempre più i giornalisti online incarcerati nel mondo”

  1. L’unità di misura per stabilire quanta influenza guadagnino, di anno in anno, i media online rispetto a quelli tradizionali, è il numero di giornalisti del Web e i blogger arrestati

    http://partecipativo.info/libertaintellettuali/la-politica-invade-il-giornalismo-il-futuro-e-online/


Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s


%d bloggers like this: