Internet, il motore collettivo

01May08

Su Apogeonline un mio articolo di ricapitolazione sulla Web 2.0 Expo di San Francisco. Eccone qualche battuta:
Qualsiasi cosa si voglia intendere con “Web 2.0”, tale definizione è destinata a veleggiare ancora in lungo e in largo. Non solo nell’immaginario collettivo o nei titoli sbrigativi dei media tradizionali, ma anche e soprattutto nella miriade di applicazioni che caratterizzano la quotidianità di e su Internet. …
Secondo Tim O’Reilly, invece, il futuro del Web 2.0 dovrà sempre più fare i conti con il suo “lato oscuro”. «L’accumulo dei PageRank e delle abitudini degli utenti sta dando vita a enormi database. Più grandi sono, meglio è. Google, Amazon, eBay vogliono accentrare i dati così raccolti in un unico luogo», ha insistito l’editore. «Il paradosso è che applicazioni progettate per creare network decentralizzati stanno portando alla tipica concentrazione di potere. Ecco perché nel prossimo strato di sviluppo si deve puntare all’interoperabilità e alla programmabilità del Web». …
Vai all’articolo integrale.



No Responses Yet to “Internet, il motore collettivo”

  1. Leave a Comment

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s


%d bloggers like this: