La produzione online costa, eccome, altro che freeconomics

12Mar08

DigimagGrazie a Maresa Lippolis che su Digimag di marzo cura da Amsterdam un’intervista live con Geert Lovink in occasione del Video Vortex, di cui sta per uscire in Italia una striminzita versione, ahinoi, di Zero Comments. (Ecco l’intervista anche nell’originale inglese). Rispetto a possibili legalizzazioni dei network P2P, Geert spiega: «la legalizzazione degli scambi di materiale protetto da copyright non e’ il giusto percorso da intraprendere. Quello che secondo me serve e’ invece costruire una economia parallela, in cui artisti e produttori creativi possano essere ricompensati anche economicamente, senza intermediari, ad esempio attraverso micro pagamenti.» Aggiungendo, sulle ideologie e le pratiche del free a tutti i costi: «Se l’amatore [traduzione oscena: è il dilettante], che guadagna grazie ad una seconda professione, pensa di voler contribuire e condividere le sue produzioni gratuitamente, allora va bene. Ma in questo momento mi sembra piu’ che altro che la schiera di dilettanti sta bloccando le carriere di intere generazioni di giovani professionisti. In questo modo la ricchezza dei saperi dei professionisti e’ messa a dura prova e rischia di scomparire (per esempio nel caso di chi si occupa di giornalismo di inchiesta). … Nuove forme di produzione, come tu le chiami, costano. Abbiamo bisogno di far circolare del denaro in modo che possa fluire in quei circuiti che hanno assunto l’obiettivo di costruire gli strumenti del futuro.» Esatto, altro che free for all e favole da long tail: fare informazione e produrre cose serie con/su i new media richiede parecchio lavoro, e costa. Anche solo mantenere un blog decente, come ben sappiamo. Occorre perciò, fra le altre cose, aprire di fatto agli utenti la partecipazione all’economia che producono (con i micropagamenti?), e non appropriarsene come fanno variamente i grandi social network con la scusa dell’UGC – elemento giustamente centrale nelle diffuse critiche allo scenario del Web 2.0.



No Responses Yet to “La produzione online costa, eccome, altro che freeconomics

  1. Leave a Comment

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s


%d bloggers like this: