Viaggio nel cuore della censura su Internet

12Oct07

Reporters sans frontiéresQuesto il titolo di un rapporto appena diffuso da Reporters sans frontiéres, in partnership con Chinese Human Rights Defenders e un esperto locale di IT (che preferisce rimanere anonimo), centrato sui meccanismi-chiave usati dalle autorità cinesi per applicare censura, sorveglianza e propaganda online. Diffuso alla vigilia del 17. Congresso nazionale del Partito Comunista Cinese, il documento dettaglia, fra l’altro, come il PCC vada impiegando enormi risorse umane ed economiche nel restringere la libertà d’espressione in rete, esercitando esplicito “controllo editoriale” perfino su blog iper-locali. Nulla di nuovo, purtroppo, ma pur sempre preoccupante. Ancor più pensando che «the country now has more than 160 million Internet users and at least 1.3 million websites». Il testo integrale de Voyage au coeur de la censure si può scaricare in .pdf.



No Responses Yet to “Viaggio nel cuore della censura su Internet”

  1. Leave a Comment

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s


%d bloggers like this: