Black Power 1968: per non dimenticare

22Feb07

Silent gestureEstate 1968, finale dei 200 metri alle Olimpiadi di Città del Messico. Primo Tommie Smith, terzo John Carlos. Sul podio i due afro-americani ricevono le medaglie alzando il pugno in un guanto nero. Un gesto silenzioso, rispettoso e fragoroso a sostegno del Black Power, dei diritti civili e dei marginalizzati del mondo. Una delle immagini più significative fissate nella memoria storica del pianeta, ben oltre l’ambito sportivo. Quasi 40 anni dopo, Tommie Smith illustra gli antecedenti e i dettagli di quel gesto, cosa ha significato per lui e per la sua vita, nonchè i riflessi per un’intera generazione. Un’autobiografia importante. E un’intervista imperdibile, ieri su DemocracyNow con Amy Goodman.



One Response to “Black Power 1968: per non dimenticare”

  1. 1 giemmevi

    Thanks for sharing the link to the interview. Davvero imperdibile!


Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s


%d bloggers like this: