Sulla filosofia utopista e nichilista dei blog

19Jan07

Ciò che sta decadendo è la Credenza nel Messaggio. E’ il momento nichilista, e i blog facilitano questa cultura come nessuna piattaforma ha fatto fino ad ora. Venduti dai positivisti come cronache dei citizenmedia, i blog assistono gli utenti in questo passaggio dalla Verità al Nulla.

Secondo la filosofia utopica dei blog, i mass media sono condannati a morire. Il loro ruolo sarà preso dai “media partecipativi”. La diagnosi finale è stata fatta e stabilisce: le organizzazioni top-down non potranno funzionare a lungo, la conoscenza non può essere gestita, oggi il lavoro è collaborativo e reticolare. Ma, nonostante i tanti segnali di guerra, il sistema continua ancora a (dis)funzionare con successo.

Questi due brevi passaggi (grazie a Nicola Bruno) tratti da un saggio del teorico dei media Geert Lovink sulla natura sociale e filosofica del blogging. Appena pubblicato su Eurozine, il lungo intervento propone (come in altri suoi scritti) analisi originali e complesse sulla blogosfera, questioni che meritano lenta masticazione e metabolizzazione—pur se non tutte condivisibili, ovviamente.



3 Responses to “Sulla filosofia utopista e nichilista dei blog”

  1. Caro Berny, il tuo pensiero sui blog è decisamente contro corrente e proprio perchè da poco mi sto affacciando su questo mondo, ( sono un giornalista televisivo old media), sono cauto e umile nel mio approccio alla blogosfera. Hai ragione e sembri quasi ricordare le parole di papa Benedetto XVI nelle sue considerazioni sul relativismo etico e l’eccessivo proliferare dei mezzi di comunicazione. Anche in questo tuo post c’è il timore di una pericolosa deriva nihilista ! Ho in mente di entrare anche io in questo mondo dei blogger, ma senza il narcisismo che ho potuto riscontrare anche di persona trai blogger, partecipando al Barcamp di Roma sabato 20 gennaio. In ogni caso, se sarà possibile ti chiederò qualche consiglio sul da farsi. Un saluto, Carlo Alberto

  2. gia’, autoreferenzialita’ e ridondanza sono elementi centrali della blogosfera, e della cyber-elite, soprattutto in un’italia che, tradizionalmente alla perifieria dell’impero, difetta di quelle analisi e approcci ben piu’ ampi e diversificati che sono altrettanti pilastri del dilagare della rete (complici spesso proprio i comportamenti degli old media🙂

    certo, carlo alberto, fai bene a essere “cauto e umile”, e molti dovrebbero seguire il tuto esempio, tra i blogger del villaggio globale — oltre che cosiderare certi rischi concreti di “deriva nihilista” come possibile antidoto, appunto, all’eccessivo narcisismo

    comunque, welcome su questo barcone, il bello e’ che c’e’ davvero posto per tutti!🙂

    e grazie assai del commento

    –bp

  3. hello everybody. my Italian is not good but it seems like a very nice web site. thanks


Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s


%d bloggers like this: